Vai al contenuto principale

ANAS 90 Anni

Eventi

Le strade della Solidarietà

6 Aprile 2018

Le strade non sono solo fatte di asfalto: alcune, infatti, sono create da rapporti umani e gesti d'affetto.
Con questo spirito, in occasione delle celebrazioni dei 90 anni di Anas, abbiamo dato via a "Le strade della Solidarietà", un progetto creato con la Comunità di Sant'Egidio che, fin dal suo inizio nel 1968, si prende cura dei poveri che vivono in gravi difficoltà nelle stazioni, sotto i portici e negli angoli nascosti delle città.
Attraverso questo progetto, Anas costruisce una strada non solo fisica ma anche umana e sostiene la Comunità partecipando venerdì 6 aprile alla cena per i poveri organizzata alla mensa di via Dandolo, a Trastevere (Roma).

La Comunità di Sant’Egidio e la mensa di via Dandolo a Roma
La Comunità di Sant’Egidio nasce nel 1968 con un doposcuola ai baraccati del Cinodromo di Roma, in un’Italia diversa alle prese con altri problemi. Da allora non ha mai abbandonato i poveri, fino a divenire lungo questi anni un crocevia di cercatori di pace con uomini e donne generosi pronti all’incontro e al dialogo con l’altro.
La mensa della Comunità di Sant'Egidio, a Roma nel cuore del quartiere di Trastevere, nasce nel 1988 da un'osservazione semplice: le mense per i poveri, a Roma, sono aperte solo di giorno. I poveri, anche i più fortunati, potevano mangiare solo una volta al giorno. E' così che con l'apertura di una mensa serale si offre il secondo pasto, dal pomeriggio alle 16 alla sera inoltrata.
Una media di 800 persone mangia alla mensa ogni sera. La mensa in trenta anni ha rappresentato un osservatorio privilegiato dei mutamenti sociali avvenuti nella città, soprattutto negli ultimi anni di crisi economica. E' infatti un punto di riferimento per tanti italiani, stranieri, e apolidi, residenti e non residenti che temporaneamente non possono provvedere al proprio sostentamento.
Il servizio della mensa è considerato di primo intervento perché è legato alla sopravvivenza delle persone e spesso rappresenta per alcuni il primo accesso agli altri servizi territoriali, in un percorso più articolato. Le persone della Comunità di Sant'Egidio, si offrono come intermediari tra la domanda di tanti poveri e i servizi sociosanitari territoriali. è importante infatti creare una rete per aiutare tutti a migliorare le proprie condizioni di vita. Accompagnare i poveri perché vengano inseriti anche in altri servizi.